Loading...

Tavolare e catasto

IL SISTEMA TAVOLARE

Nella nostra provincia è in vigore, regolato dal R.D. 28.03.1929 n. 499, il sistema tavolare di pubblicità immobiliare, derivato dalla legislazione austro-ungarica. Nonostante la massiccia informatizzazione degli ultimi anni, i principi cardine di tale sistema di pubblicità immobiliare, che lo rendono unico per garanzia e certezza, sono rimasti invariati a salvaguardia dei diritti dei cittadini. Caratteristica peculiare di questo sistema è che esso è a base tipicamente “reale” (in latino, “res” significa “cosa”): esso ha riguardo, cioè, non alle "persone" dei proprietari o dei creditori, bensì sempre ed unicamente all’ "immobile" che forma oggetto dei diritti.

 

INTAVOLAZIONE DEL DIRITTO DI PROPRIETA' PER ACQUISTO INTER VIVOS

Nel sistema tavolare per l’acquisto ed il trasferimento inter vivos della proprietà e dei diritti reali su immobili è necessaria l’iscrizione tavolare. Senza intavolazione, in altri termini, il diritto non si acquista. Proprio questa caratteristica rende necessaria una profonda conoscenza del sistema tavolare, delle sue leggi e delle prassi vigenti. Un errore nell’intavolazione può avere conseguenze fatali. L’intavolazione di un piano di casa materialmente divisa o di un tipo di frazionamento può risultare arduo se non ci si affida a persone competenti.

 

INTAVOLAZIONE DEL DIRITTO DI PROPRIETA' PER ACQUISTO MORTIS CAUSA

Lo speciale sistema tavolare, basato sul principio dell’intavolazione e del predecessore tavolare, prevede che l’erede (o il legatario), pur proprietario sin dal momento dell’apertura della successione debba, qualora voglia disporre dei diritti successori, “far iscrivere il trasferimento a suo nome nel libro fondiario” (art. 3 R.D.).

In ambito tavolare per ottenere l’intavolazione del diritto di proprietà o altro diritto reale pervenuto a titolo di successione è necessario presentare un ricorso al Tribunale per ottenere il c.d. “certificato di eredità”, ovvero un decreto che certifica quali siano gli eredi o i legatari e le relative quote di proprietà e che costituisce unico titolo valido, unitamente al decreto emesso dal Giudice Tavolare, per iscrivere i diritti mortis causa nel libro maestro.

 

STUDIO, ESPERIENZA E LAVORO DI SQUADRA

Un bravo notaio deve essere in grado di “leggere” velocemente una visura tavolare o un piano di casa materialmente divisa e, se qualcosa non lo convince, deve essere in grado di effettuare i dovuti approfondimenti: proprio come farebbe un bravo medico davanti ad un’ecografia o a delle analisi che gli lasciano qualche dubbio.

Al fine di vedere accolte senza problemi le intavolazioni dei propri atti, è peraltro necessaria una profonda conoscenza degli orientamenti di dottrina, prassi e giurisprudenza tavolari. Sotto questo punto di vista il lavoro di equipe è fondamentale: il sistema tavolare, infatti, costituisce una branca del sapere estremamente specialistica, nella quale è facile incorrere in errori o sviste. Il nostro studio si avvale di personale con grande esperienza in campo tavolare e, nel tempo, è diventato un punto di riferimento per geometri, architetti ed ingegneri.