Loading...

Locazione

Spesso la locazione è conclusa con una semplice scrittura privata, che viene registrata dalle parti, dal loro professionista di fiducia o dall'agenzia immobiliare.

 

Il contratto è valido ma ha un grande punto debole e non tutela adeguatamente il proprietario.

Infatti, prima di iniziare lo sfratto dell'affittuario moroso, il proprietario deve:

1) intimare lo sfratto;

2) chiederne al Tribunale la convalida;

3) affrontare il relativo giudizio che, ove l'affittuario svolga difese per le quali il Giudice ritenga opportuno un approfondimento, potrebbe durare fino a 4 anni.

 

Ottenuto il provvedimento favorevole, bisogna munirsi della copia esecutiva secondo i tempi della Cancelleria.

Solo a questo punto, spesso dopo anni di cause ed incontri dilatori, lo sfratto può iniziare.

 

Cosa cambia con la locazione notarile?

 

L'atto notarile è registrato direttamente dal notaio (non dalle parti) ed è al tempo stesso titolo esecutivo:

1) per il pagamento delle mensilità arretrate;

2) per il rilascio dei beni immobili.

 

Se l'affittuario non paga, il proprietario, con la copia esecutiva del notaio, può, senza passare dal giudice

 

  1. a) pignorare direttamente i beni (mobili, immobili e conti correnti) dell'affittuario;
  2. b) iniziare direttamente lo sfratto.

 

Il tutto con grande risparmio di tempo e denaro.